Mezzosangue, di Vincenzo Romano

Sinossi:
Kai, da cacciatore, è diventato preda. La sua ricerca si è trasformata in una fuga disperata. Un misterioso assassino lo tormenta da settimane con agguati continui, limitandosi a ferirlo e scappare. Il bosco nelle vicinanze di un piccolo villaggio sembra essere il luogo scelto dal suo persecutore per concludere quel gioco crudele. Kai cade, attende il colpo di grazia.
Narog è un giovane mezz’orco. Vive con il suo patrigno nel piccolo villaggio di Shealgair dove solo in pochi conoscono il suo segreto. Un giorno, mentre è a caccia nella foresta che circonda il villaggio, si imbatte in uno scontro mortale. Con coraggio e molta fortuna riesce a salvare la vita al ragazzo che giace ferito nella neve.
È l’inizio di un viaggio straordinario. Aiutando Kai, Narog ha messo in pericolo se stesso ed il suo villaggio. Il mezz’orco decide di partire per proteggere il suo mondo. Prima di lasciare la sua casa riceve la sua eredità. Un’ascia da battaglia e alcuni frammenti di uno strano cristallo. Le pietre sono il tramite per accedere ad un antico e misterioso potere, la cui sorte è legata ad un oracolo tramandato da secoli. L’ascia è l’unico legame con il suo passato. Il mezz’orco scoprirà un mondo di cui ignorava le meraviglie, imparerà a ristabilire il legame tra i frammenti e la magia arcana e si confronterà con se stesso, prima ancora che con i suoi avversari.
Kai continua a seguire le tracce lasciate da chi, tanto tempo prima, lo ha sfidato a superare un’ultima prova. Durante il cammino i due dovranno guardarsi dalla minaccia dei Cacciatori. I due raggiungeranno Zaleb, città dei cavalieri del cielo, poi Grayhaven, movimentato porto sul golfo di Quan. Viaggeranno attraverso il Piccolo Mare e il misterioso Bosco dei Mille Sentieri. Giunti alla Città Verde, Kai troverà ciò che inseguiva da anni, Narog scoprirà le sue origini e inizierà il viaggio alla scoperta del suo destino.




Leggi un estratto di “Mezzosangue” qui: issuu.com/0111edizioni/docs/ante.mezzosangue

Acquista “Mezzosangue” di  Vincenzo Romano